Chi è Stefano Apuzzo

FotoChieNato a Napoli il 2 maggio 1966, dopo Palermo, Mantova, Verona e Roma, vive a Milano dal 1980. Giornalista e scrittore dal 1995, Direttore Consorzio Ecoqual’It e periodico ambiente, energia e Hi tech “EcoFocus”, collaboratore di diverse testate giornalistiche, assessore all’Ambiente, Cooperazione e Protezione Civile del Comune di Rozzano (Mi), occupandosi anche di innovazioni tecnologiche, lavoro, parchi, verde e animali.
Già deputato al parlamento (1992-1994) e consigliere comunale a Opera, Presidente Amici della Terra Lombardia, ProAfrica Onlus e Associazione culturale “M’Arte”, Portavoce Gaia Onlus, autore di diversi libri e testi su ambiente, sicurezza alimentare, diritti dei consumatori, animali (Stampa Alternativa, Kaos edizioni, Costa&Nolan, “I Libri di Gaia”), tra cui “Farmakiller”, “Quattrosberle in padella” e “Bimbo bio”.
Ha militano nella Federazione Giovanile Comunista, nei Verdi ed è iscritto al PD dal 2010.
Ha coordinato campagne di comunicazione e politiche e prodotto diversi filmati promozionali su territorio (Parco Agricolo Sud Milano) e ambiente e lavorato per agenzie di comunicazione e direct marketing.
Ha organizzato e partecipato a diverse mostre artistiche e culturali in Italia, tra cui le edizioni di Milano e di Torino del Padiglione Italia della Mostra d’Arte Biennale di Venezia, curata da Vittorio Sgarbi.
Dedica gran parte del tempo al volontariato: per gli anziani in una casa di riposo di Vimodrone, per l’ambiente, per la cooperazione internazionale. Con ProAfrica Onlus costruisce un ospedale in Congo (inaugurato nel 2009 con il concittadino rozzanese Serafino Piras) e una scuola in Gabon; con Vento di Terra ha realizzato 5 scuole in Palestina e a Gaza
Attivo in progetti di cooperazione allo sviluppo in Africa, Sud America e Medio Oriente (Palestina).
Ideatore e coordinatore di progetti ambientali e di comunicazione per le aziende. Autore del “Catalogo Eco Logico 2012” di Amici della Terra e coordinatore del Premio “Comuni e Imprese Amici della Terra”, nato nel 1998 e del Premio Eco-tecnologico Award Ecohitech, anch’esso risalente al 1998.

Stampa Email