seguimi   

Giorgio Gori presenta la lista e i candidati.

Con Gori per una nuova Lombardia: sociale, ambientale, solidale, pro animali e vicina ai più fragili e bisognosi.
Una Regione che finanzia gli interventi sulle case Aler.

Presentata oggi la lista "Gori Presidente".
I sondaggi danno Gori in netto recupero.
Ce la possiamo fare a liberare la Lombardia.
Io ci sono con le mie priorità da sempre: Ambiente, animali, anziani, volontariato sociale, precari, disabilita' e promozione dell'arte.
Gori iniziogori stampaApuzzo Gorislf 1

#lombardiasceglieambiente  #gori2018



Giorgio Gori presenta la lista e i candidati.

Milano, 7 febbraio 2018 ore 10.20
presso il Comitato Gori in C.so Buenos Aires, angolo Via Petrella.

Ti aspetto.

Email

Care Compagne e Cari Amici,

sono candidato nella Lista “Gori Presidente” per la Regione Lombardia, nella circoscrizione Milano e provincia.

Il mio impegno sociale e politico è di lunga data.
Da adolescente ho militato nella Federazione Giovanile Comunista Italiana, poi nell’ambientalismo movimentista. Nel 1990 sono stato eletto con i Verdi in Consiglio comunale a Opera (Milano) e nel 1992 deputato sempre con i Verdi. Dal 2004 sono Assessore all’Ambiente del Comune di Rozzano (Mi). Dal 2010 mi sono iscritto al PD. Nel 2017 ho aderito ad Articolo Uno – MDP non ritrovando più nel PD le ragioni fondanti, inclusive e di sinergia tra sinistra e cattolicesimo democratico del Partito. In MDP, tuttavia, sono rimasto pochi mesi, non condividendo la “fusione a freddo” con “Sinistra italiana” e la scelta suicida di non sostenere Gori in Regione Lombardia.

I temi sui quali sono da sempre impegnato in prima fila, come volontario, attivista e promotore di iniziative concrete sono:

  • l’Ambiente (con manifestazioni, libri, iniziative e con le associazioni Amici della Terra, WWF, Gaia Onlus e Greenpeace),
  • la Solidarietà e la cooperazione internazionale (con la costruzione di scuole e ospedali in Africa e Palestina, con ProAfrica Onlus, Vento di Terra e associazioni cattoliche missionarie),
  • la difesa degli animali (con importanti leggi fatte approvare in Parlamento e tante battaglie ormai “storiche”),
  • la salute e la sicurezza alimentare (anche con diverse pubblicazioni e interventi nelle scuole e con l’attivazione di mense biologiche in diversi Comuni e scuole),
  • l’assistenza agli anziani (per venti anni come volontario in case di riposo),
  • i diritti di insegnanti e precari (con collaborazione con gli insegnanti che rischiano il posto),
  • la disabilità (come insegnante per ragazzi disabili),
  • la promozione dell’arte e della cultura (in veste di critico d’arte e promotore di mostre e collettive di giovani artisti con Spazio M’Arte Milano)
Venerdi 9 febbraio 2018, dalle ore 18 alle ore 22  si terrà un rinfresco - incontro pubblico di presentazione e conoscenza reciproca a Milano, presso la sede di Gaia Onlus/Spazio M’Arte in Corso Garibaldi, 11 – secondo ingresso da Via Rivoli, 4, MM verde “Lanza”.
Sarà un incontro protratto e informale

scheda elettorale

Email

#LOMBARDIASCEGLIEAMBIENTE

Ho iniziato a fare attività politica, sociale e associativa fin da bambino.
Dopo Napoli, Palermo e Mantova, sbarco a Verona nel 1977, dove diventovegetariano. In quella Verona ho partecipato ai comizi elettorali di Berlinguer, di un giovane Occhetto, del “nemico” Almirante, di attaccare i manifesti per il Partito Comunista Italiano e per la neonata Lega Anti Vivisezione, di raccogliere le firme con il Partito Radicale per i referendum contro la caccia, il porto d’armi e per l’abolizione dell’ergastolo. In quella Verona ho scelto di essere presente ai cortei per la casa e contro gli sfratti, ai cortei contro Cossiga e contro la sua idea di Stato repressivo.

Email

Antisemita chi?

La mia risposta attraverso un video alle false accuse di antisemitismo.

A seguito di una precisa campagna di stampa contro di me e le persone impegnate in progetti umanitari in Palestina, con infamanti accuse di antisemitismo, ho deciso di chiedere un incontro con i responsabili della comunità ebraica di Milano e con la giornalista Fiamma Nirenstein per un confronto franco e diretto in merito alle bugie scritte da Il Giornale e riprese da altre testate.
E’ in corso una campagna di odio nei miei confronti, volta a stroncare la possibile elezione di un volontario da sempre impegnato nella cooperazione internazionale, in Africa e Palestina

Auspico che tale incontro possa essere accettato e sono convinto che il confronto, scevro da pregiudizi, possa finalmente chiarire, al di là delle differenti posizioni e giudizi sul governo israeliano, che le bufale pubblicate rappresentano solo una campagna strumentale tesa a colpire il candidato di centrosinistra alla presidenza della Regione Lombardia, Giorgio Gori, tendendo a far dimenticare le uscite razziste e xenofobe di Fontana sulla cosiddetta razza bianca

“Fontana evoca gli stessi slogan e concetti che furono alla base degli articoli del fogliaccio “La difesa della razza” e che furono prodromici alla emanazione delle leggi razziali. Il Giornale e qualche altra testata, stanno usando armi di distrazione di massa”.

Email

Lettera aperta a Onorio Rosati candidato di Liberi e Uguali alla presidenza della Regione Lombardia.

Caro Onorio,


Come ho affermato in diversi interventi alle assemblee di Liberi e Uguali tenutesi prima dell’avvio della campagna elettorale e come hanno fatto anche altri compagni (penso a Cornelli, a Mangili e altri), non mi ha entusiasmato la fusione con Sinistra Italiana e con Civati.

Avevo aderito al progetto di una sinistra alternativa ad un PD di marchio troppo renziano quando questo era in embrione. Ho aderito e sostenuto tutti i passaggi, dai Comitati “Con Senso” per il no al referendum sulla Costituzione, alla nascita di Articolo Uno – MDP. Provenivamo quasi tutti da una Sinistra responsabile e di governo, stufi del segno “univoco” imposto al PD. Esistono, tuttavia, molte realtà di governo e di opposizione nelle quali, donne e uomini liberi e di Sinistra, collaborano – non da subalterni – con il PD.
Gli obiettivi di costruire una nuova Sinistra, radicale e popolare e di sconfiggere le destre razziste ed estreme, rappresentano due priorità parimenti fondamentali.
E' apparsa ben presto chiara la tensione proveniente da Sinistra Italiana e da Civati di imporre il proprio diktat sulle alleanze. Così come è parso evidente il risiko di palazzo che ha visto, a fatica, la costruzione dell'alleanza di centro sinistra in Lazio, basata sui contenuti programmatici a scapito dell'alleanza in Lombardia.

Nella nostra regione, al candidato in corsa, Giorgio Gori, dopo il fallimento dell'ipotesi di primarie (avevamo un candidato?), non è stata concessa alcuna apertura al confronto sui temi e sui programmi. Una chiusura pregiudiziale che ha il sapore della ripartizione cencelliana tesa a soddisfare le volontà della dirigenza di S.I.

Da sempre ho scelto la passione e l'attività politica trasparente e coerente e queste dinamiche da retrobottega di macelleria non possono lasciare indifferenti né me , né molte altre compagne e compagni.

Conseguentemente e coerentemente ho deciso di abbandonare quella che stava diventando ed è diventata un’avventura solitaria e suicida in Lombardia. Conoscendo personalmente Giorgio Gori e condividendo l’opportunità che ci è offerta, di liberarci dopo 23 anni dal malgoverno della destra e della Lega in Regione, ho deciso di aiutare, supportare Gori e ho accettato la candidatura nella Lista “Gori Presidente” nella circoscrizione di Milano e provincia.
Continuerò a lavorare perché le diverse sinistre di buon senso possano presto farci reincontrare per condurre insieme le doverose battaglie per una Lombardia diversa.

Con stima e amicizia,

Stefano Apuzzo

Email

L'appello: "Alleanza di centrosinistra"

Elezioni regionali Lombardia 2018 | Campo Progressista sceglie Giorgio Gori e il Pd
Elezioni regionali Lombardia 2018 | Campo Progressista sceglie Giorgio Gori e il Pd
L'appello fa riferimento alla necessità di una alleanza di centrosinistra con una componente «di sinistra, ambientalista e progressista» e anche alla necessità di superare uno "stallo".
Cp non ha mai chiesto primarie di coalizione per scegliere il candidato presidente da contrapporre al leghista Roberto Maroni, e non le chiede nemmeno in questo appello. Cosa che, invece, Mdp vorrebbe da sempre. 

Nel testo si evince che l'obiettivo è quello di «costruire un inedito laboratorio del centrosinistra» e di «un programma condiviso» che parli di tutela ambientale, politiche socio-sanitarie eque, promozione dei diritti, risposte alle fragilità, efficienza del trasporto pubblico.
Il contenuto è quindi abbastanza esplicito: alleanza con il Pd, nessun accenno alle primarie e dunque sostegno diretto a Giorgio Gori.

L'appello è firmato da Chiara Cremonesi, ma anche da Roberto Cornelli, che Mdp vedeva bene come candidato da contrapporre a Gori alle eventuali primarie. Ci sono poi le firme di due consiglieri di Insieme X Milano (Anita Pirovano e Natascia Tosoni), del presidente del Municipio 8 (Simone Zambelli), del delegato del sindaco di Milano alle periferie (Mirko Mazzali) e di diversi sindaci del territorio, da Massimo De Paoli (Pavia) a Curzio Rusnati (Bussero) e a Giuliano Soldà (Bovisio Masciago). 

Se Campo Progressista ha quindi "accelerato", è evidente lo smarcamento dalle altre forze politiche a sinistra del Pd. Che adesso potrebbero decidere a loro volta una accelerazione, ma in direzione opposta: scegliendo un proprio candidato presidente.
Questa possibilità è stata esplicitata chiaramente da Onorio Rosati, consigliere regionale di Mdp


?Xm3J7L0jiiegsILmlkwjkfXl0KolPltkkJQLJJRkLksG4gAKUjjKMkxivMnIckLGvhWh3hngEj4JCkBh1mWKrgIMmf3lMgZGnJCG1lSHJLJkwkhlniyLrhUHMIZGkh5L2jZLtJujBmAm2gFjik9lRLTj8M1GwhDJSG0l7j9gKlXJ8l4mZmNLv1Hk2F1W3YNxa0 #LombardiaSceglieAmbiente | Stefano Apuzzo

Email

@stefanoapuzzo twitter

Per contestare il caos provocato da Prefetture e Comuni, nella mattinata di oggi, lunedi 19 febbraio, mi sono... fb.me/1GfQnPPw8

Vai a twitter

Vai a twitter

Le notizie di questi ultimi mesi in #Lombardia su incidenti spesso mortali ai danni di lavoratori ed operai... fb.me/3lu0DHfk7

Vai a twitter

Stamane a Milano. Comitato Gori in corso Buenos Aires. Giorgio Gori con il Sindaco di Milano, Beppe Sala.... fb.me/9gkeKfNME

Vai a twitter

Il sito di Stefano Apuzzo fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione all'interno del sito. + Info